TinyDropdown Menu BonBook: Chi ben comincia #7... Il primo bacio a Parigi VS Drago Rosso

martedì 10 marzo 2015

Chi ben comincia #7... Il primo bacio a Parigi VS Drago Rosso

Buon Pomeriggio!!!!!!!!!!!!!!
Giornata di Fuoco qui a casa.... i miei adorati Boss ( mamma e papà adorati SONO MALATII) ok avete presente i bambini che toccano tutto che ti chiamano mille volte, e che ti seguono come un ombra... beh non sono niente in confronto ai miei malati.... mio padre è un bambino ha bisogno di coccole e di rassicurazione... mia madre vuole fare la forte, nel senso che a lei niente la piega... ma combina più guai di quanti ne pensa.... in pratica sono rilegata a fare l'infermierina ahhahahaha, però penso sempre a voi ... come posso lasciarvi senza post?? No, non c'è la faccio... qui approfitto di questi minuti in cuoi sono caduti entrambi in un sonno sonoro .... tra nasi chiusi XD... vi lascio due piccoli estratti di Il delitto della terza luna/ Drago Rosso di Thomas Harris, che mi ha letteralmente rapito.... e Il primo Bacio a Parigi di Stephanie Perkins.. che ho appena iniziato... per adesso è ok XD!


Rubrica ideata da Alessia di Il profumo dei libri


«Lei crede che uno dei fattori nella scelta delle vittime potrebbe essere il cortile posteriore?» «Oh, sì. E di vittime ce ne saranno altre, è ovvio. Lasciami il dossier, Will. Lo studierò. Quando ne avrai degli altri mi piacerebbe vederli. Puoi telefonarmi. Nelle rare occasioni in cui il mio avvocato mi chiama mi portano un telefono. Prima mi facevano parlare attraverso il citofono, ma ovviamente tutti potevano ascoltare. Mi daresti il tuo numero di casa?» «No.» «Sai come hai fatto a prendermi, Will?» «Arrivederci, dottor Lecter. Eventuali messaggi per me li può comunicare al numero che trova nel dossier.» Graham si allontanò. «Sai come hai fatto a prendermi?» Graham ormai fuori vista si dirigeva accelerando il passo verso il portone d'acciaio. «Il motivo per cui mi hai preso è che noi due siamo uguali» fu l'ultima cosa che Graham udì mentre il portone d'acciaio si chiudeva dietro di lui. Era intontito ma aveva paura di ritornare in sé. Camminava a testa bassa, senza rivolgere la parola a nessuno. Sentiva il sangue pulsargli nelle orecchie. Gli parve che ci volesse pochissimo per uscire. Il manicomio criminale era un unico edificio: solo cinque porte fra Lecter e il mondo esterno. Aveva la sensazione assurda che Lecter fosse uscito insieme a lui. Si fermò sull'ingresso e si guardò intorno per assicurarsi di essere solo. Da un'auto parcheggiata sul lato opposto della strada, con il teleobiettivo appoggiato al finestrino, Freddy Lounds riuscì a scattare un'ottima istantanea a Graham di profilo sulla porta dell'ospedale con alle sue spalle le parole scolpite nella pietra: "Ospedale di Stato di Chesapeake per i pazzi criminali". Sul "National Tattler" apparve solo un dettaglio della foto, il viso di Graham e le ultime due parole — pazzo criminale — scolpite nella pietra.

Lo sento arrivare, ma non riesco ad arginarlo.
   PANICO.
   Mi hanno lasciata qui. I miei genitori mi hanno lasciata qui per davvero! IN FRANCIA!
   Parigi si è fatta stranamente silenziosa. Anche la cantante d’opera si è ritirata per la notte. Non posso perdere la testa. I muri sono sottili come garze, quindi se crollo i miei vicini - i miei nuovi compagni di classe - sentiranno tutto. Sto per sentirmi male. Sto per vomitare quella bizzarra tapenade di melanzane che ho mangiato per cena, e tutti sentiranno, e nessuno mi inviterà mai a guardare i mimi evadere dalle loro scatole invisibili o a fare qualunque altra cosa la gente faccia qui nel tempo libero.
   Corro al lavandino per rinfrescarmi il viso, ma l’acqua esce di getto e mi bagna la maglia. E ora piango più forte, perché non ho tirato fuori gli asciugamani dalla valigia e i vestiti fradici mi ricordano quegli stupidi scivoli acquatici su cui Bridgette e Matt mi trascinavano sempre all’Aquapark, dove l’acqua è di un colore artificiale, puzza di vernice e contiene un miliardo di trilioni di batteri. Oddio. E se nell’acqua ci sono dei batteri? L’acqua francese sarà potabile?
   Patetica. Sono patetica.
   Quanti diciassettenni ucciderebbero pur di andarsene di casa? I miei vicini non hanno nessuna crisi. Da dietro i muri delle loro camere non si sentono pianti. Afferro una maglietta da sopra il letto per asciugarmi, quando ecco la soluzione. Il cuscino. Collasso a faccia in giù nell’improvvisato isolante acustico e singhiozzo, singhiozzo, singhiozzo.
Bussano alla mia porta.
   No. Non può essere la mia porta.
   Eccolo di nuovo!


Quale vi incuriosisce di più???.... sinceramente sono combatutta.... Per adesso Drago rosso... mi la letteralemente stregata .... io amo HANNIBAL... un genio... voi?!

4 commenti:

  1. Miei Dei, l'incipit de 'Il primo bacio a Parigi' è davvero spassoso *-*.
    Dovrò leggerlo.

    RispondiElimina
  2. I miei Boss, AHAHAHA
    Speriamo si rimettano presto dai! Anch'io sono stata malata con sto tempaccio D:
    Comunque, bellissimo ripensare a Il primo bacio a parigi *___*

    RispondiElimina
  3. Ho letto il primo bacio a Parigi e odio la traduzione del libro in Italiano. Il libro è carino, scorrevole, simpatico, leggero, piacevole e via così XD

    RispondiElimina
  4. Tra i due teaser, scelgo quello di Drago Rosso, senza dubbio! *O* Oddio, mi stai facendo venire una voglia matta di leggerlo subito, accipiccha ç_ç
    *resiste alla tentazione di prenotarlo in biblioteca perchè ha già 937823826432 libri che l'aspettano*

    RispondiElimina