TinyDropdown Menu BonBook: Recensione: Non è estate senza di te di Jenny Han

domenica 8 giugno 2014

Recensione: Non è estate senza di te di Jenny Han


Titolo: Non è estate senza di te
Autore: Jenny Han
Editore: Piemme
Serie: The summer trilogy #2
Voto:

Trama

Belly ha sempre contato ogni singolo giorno che la separa dall'estate, cioè da Conrad e Jeremiah. Ma non quest'anno. Perché la madre dei ragazzi, Susannah, è di nuovo molto malata. Perché Conrad ha smesso di curarsene. E perché tutto quello che era buono nella sua vita sta crollando a pezzi. Per la prima volta, Belly vuole solo che quell'inverno non finisca mai. E invece, quando Jeremiah telefona per dirle che Conrad è sparito, Belly capisce che quella è l'occasione per rimettere le cose a posto.

Cosa ne penso …..

Beh che dire un libro che si legge in due ore e mezza, ma si può sopravvivere anche senza conoscere le avventure di Belly, nel primo libro mi era piaciuta questa narrazione un po’ infantile e personale, nel secondo libro l’ho trovata noiosissimaaaa e piena di chicle.


Un anno dopo la fine del primo libro ritroviamo una Belly depressa e sfiancata principalmente per due motivi, per la morte di Susannah e per il fatto che la sua storia con Conrad non sia mai decollata, come personaggio lei diventa un tantino suscettibile tratta male chiunque credo, e la sua migliore amica penso che gli riservi il trattamento peggiore, non capisco come anche nel primo libro lei la denigra sempre ma imperturbabile continua ad essergli amica, è una cosa che non comprendo, ne corso del libro riviviamo tutto l’anno e i suoi incontri con Conrad, che ormai credo quasi di odiare, non è per niente coerente sempre con il muso e di cattivo umore, la ama non sta con lei, quando lei cerca di andare avanti fa l’offeso, lui è un mistero che sinceramente non mi incuriosisce per niente, Belly è un personaggio troppo piatto che aspetta sempre che qualcuno cambi la situazione, quindi lei non agisce mai non crea azione ma non contribuisce in alcun modo.
L’unico personaggio che salva la situazione generale del libro è Jeremiah, che da un po’ di luce ad un libro super piatto, novità interessante è che ci sono alcuni capitoli narrati dal suo punto di vista, lui che si è sempre trovato all’ombra di Conrad, non riesce mai ad emergere, il padre Belly gli amici tutti preferiscono lui, ma il povero Jeremiah non lo fila nessuno, lui che è perdutamente innamorato di Belly cerca in tutti i modi di farla riprendere dal suo stato depressivo per colpa del Fratello, sinceramente faccio il tifo per lui anche se Belly non si merita minimante uno come Jeremiah.
Mi dispiace ma non c’è altro da dire il libro è parecchio noioso, quindi niente di che, concluderò di sicuro la serie solo per quel briciolo di curiosità che mi è rimasto, ma lo stampo del libro è diventato troppo per ragazzine delle medie, e ho superato quella fase da tanti anni ormai.


The Summer Trilogy

Non è estate senza te

L'autrice:


Jenny Han è nata e cresciuta a Richmond, Virginia. Adora la serie "Buffy l'ammazzavampiri", la torta di mirtilli e le calze al ginocchio.

6 commenti:

  1. In effetti a me è piaciuto un po' meno del primo :/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si non ne vale proprio la pena....

      Elimina
  2. Finalmente riesco a fare un salto nei vari blog!!
    Scusa l'assenza ma il periodo pre-esame non lascia prigionieri. ;_;

    Riguardo al libro... credo che starò alla larga sia dal primo che dal secondo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche io sto in fase pre esameeeeeee..... e sto senza una attimo di respiro ma sto libro proprio non si puo vedeeeee

      Elimina
  3. Sinceramente non mi ispira proprio!!!

    RispondiElimina