TinyDropdown Menu BonBook: Recensione: Il duca di mezzanotte di Elizabeth Hoyt

mercoledì 14 maggio 2014

Recensione: Il duca di mezzanotte di Elizabeth Hoyt

Titolo: Il duca di mezzanotte
Autore: Elizabeth Hoyt
Serie: Maiden Lane #6
Voto:

Trama

Da ragazzo Maximus Batten, duca di Wakefield, ha assistito all’omicidio dei propri genitori e ora, nel costume da Arlecchino dello Spettro di St Giles, batte di notte le strade a caccia del loro assassino. Quando si trova a salvare Artemis Greaves, avventuratasi insieme alla cugina nel quartiere più malfamato di Londra, rimane intrigato dalla sua audacia. A lei resta però in mano l’anello dello Spettro e le basta poco per scoprirne l’identità. Decide allora di ricattarlo affinché liberi suo fratello, ingiustamente rinchiuso in manicomio. Ma Wakefield non è solo potente, è anche pericolosamente affascinante: riuscirà Artemis a sopravvivere alla sua collera o… alla seduzione del suo abbraccio?

Cosa ne penso……

Sesto capitolo della saga Maiden Lane, voi direte arrivati a questo capitolo ancora va avanti, e bene si non smentisce mai, e la saga va avanti anche se ormai questo era l’ultimo spettro, e adesso c’è ne sarà un altro??? Spero proprio di si, perché mi sono legata a questa saga proprio per questo personaggio misterioso che nel corso della saga ormai ha un posto speciale per me, questa volta con il volto del duca di Wakefield.
La storia è narrata principalmente da Artemis dama di compagnia di sua cugina, caduta in disgrazia che cerca di far di tutto per salvare suo fratello Apollo, così scoperta l’identità dello spettro di  St Giles, cerca di convincerlo a far evadere Apollo dal manicomio in cui è rinchiuso ingiustamente per essere accusato di omicidio, quando Maximus si trova davanti Artemis così determina non può credere che lo stia ricattando, e poi continua a girovagare per la campagna some una ninfa e lui non è del tutto indifferente, tra i due c’è una forte attrazione ma Maxium che ho definito personalmente un antenato di Batman, perché come lui ha visto morire i genitori, perseguitato dal loro ricordo e dal quel momento si è volto alla giustizia, mascherandosi e salvando donzelle in difficoltà,  quindi un parente stretto di Batman ci sta tutto, cerca prima di respingere quella giovane donna così ostinata e poi di aiutarla a  nascondere prima il fratello e poi facendola diventare la sua amante!
Artemis è una ragazza che sa quale è il suo posto non disdegna l’essere diventata dama di compagnia di sua cugina, ma per amore del fratello farebbe di tutto, anche chiedere aiuto al più importante duca di Londra, come personaggio lei è determinata caparbia e un pizzico selvaggia, non sta certo a pensare alle conseguenze vuole liberare Apollo e lo farà. Io
personalmente è dal secondo capitolo che sto tenendo d’occhio Phoebe la sorella di Maximus e Hero, ormai sta diventando uno dei personaggi che preferisco, per la sua cecità e per il suo carattere sempre allegro, ho appena scoperto che il prossimo libro sarà incentrato su Apollo che anche lui è una personalità interessante e controversa, quindi attendiamo con pazienza XD.
Un bel libro  che si legge rapidamente e per chi segue la saga da tanto ormai, un libro chiave per le svolte delle vicende!!!



Maiden Lane serie

Maliziose Intenzioni
Bisticci d’Amore
Un tesoro d’amore
Maschera d’amore
Il duca di mezzanotte

Autore

Nata nella calda Big Easy, New Orleans, cresciuta nel freddo Minnesota, a St.Paul, Elizabeth Hoyt ha avuto da ragazza l'opportunità di poter viaggiare spesso con la sua famiglia, soprattutto in Gran Bretagna, dove trascorre lunghi periodi tra la Scozia e Oxford. Che nella vecchia Inghilterra sia nata la sua passione per il romanzo storico?
Dopo gli studi in arte e antropologia alla Wisconsin University, incontra il futuro marito (archeologo) mentre lavora ad alcuni scavi. Sulle prime lo giudica un jerk , un babbeo, poi però cambia evidentemente idea, lo sposa e mette su famiglia. Oggi Elizabeth vive in Illinois con Mr.Hoyt (Hoyt è il cognome del marito), i loro due figli e tre cani scatenati adottati dal canile locale. Tra le sue passioni l'archeologia, la lettura, naturalmente (e Suzanne Brockmann è fra le sue autrici preferite), e il giardinaggio. Non è una scrittrice precoce. Incomincia a scrivere a 35 anni. Ma lo fa subito bene. Il suo primo romanzo,The Raven Prince/ Il principe e la preda, appunto, lascia il segno.


La Hoyt firma con lo pseudonimo di Julia Harper romantic suspense novels caratterizzati da umorismo ed ironia. Il suo primo romanzo del genere, HOT, è uscito nel gennaio 2008. Il prossimo, For the Love of Pete, dovrebbe essere in libreria nell'aprile 2009.

Nessun commento:

Posta un commento