TinyDropdown Menu BonBook: Recensione: Prodigy di Marie Lu

mercoledì 23 aprile 2014

Recensione: Prodigy di Marie Lu

Titolo: Prodigy
Autore: Marie Lu
Serie: Legend # 2
Edito da: Piemme
Voto:

Trama:

June e Day arrivano a Vegas dopo essere miracolosamente sfuggiti all'ingiustizia della Repubblica quando l'inconcepibile accade: l'elector Primo muore e il figlio Ander prende il suo posto. Mentre la Repubblica sprofonda nel caos, i due giovani ribelli si uniscono ai patrioti nel disperato tentativo di salvare il fratello di Day, Eden. E i patrioti accettano, ma a una condizione: June e Day dovranno prima uccidere il nuovo elector. Peccato che Ander non abbia niente a che vedere con il suo crudele genitore.

Cosa ne penso . . . . .

E dopo una breve pausa per via delle vacanze di pasqua eccoci di nuovo qui a conoscere nuovi libri!!!
Oggi toccherà a Prodigy, secondo capitolo della trilogia Legend, meraviglioso quanto il primo se non di più.
Iniziando questo libro non ero proprio entusiasta come con Legend, avevo il paura che la trama subisse delle svolte a me non gradite, beh se questi erano anche i vostri dubbi state tranquillissimi la Lu ci sa veramente fare e quando pensi che la trama diventa troppo prevedibile in un determinato punto ecco che si capovolge tutto, una cosa che adoro di questa autrice è la franchezza ( non so come chiamarla) di solito nei libri i protagonisti si scervellano per trovare soluzioni complicatissime ai loro problemi la cosa che adoro di Prodigy e di Legend è che è tutto molto studiato e semplice, certo non quello che combinano i protagonisti ma i loro gesti i loro pensieri le loro relazioni, rende i libro molto scorrevole e leggibile, al contrario di altri dispotici che ti fanno penare.
Spoiler
Questo secondo capito riprende direttamente dagli eventi del capitolo precedente, e troviamo Day e June che scappano dalla Repubblica verso i Patrioti, qui apprendo la notizia
della morte dell’ Elector, e della successione del figlio, Ander, feriti e provati dalla fuga i due per ottenere le cure da i Patrioti stringono un patto con questi ultimi per uccidere l’Elector Primo, ma per farlo i due devono stare per un periodo separati,  June deve riconquistare la fiducia della Repubblica ingannandola sventando prima un falso attentato ad Ander per poi portarlo a quello vero, e Day deve collaborare con i Patrioti e farsi vedere dal popolo così, uno sanno che è vivo e due diventa in primo sopravissuto alla Repubblica quindi una specie di eroe. Questa prima parte sarà caratterizzata principalmente da dubbi, la lontananza non agevola il rapporto tra Day e June, i due si conoscono relativamente da poco per giudicare se le azioni dell’ uno e dell’altra sono vero o false per salvare le apparenze, e voi penserete sarà come i soliti libri dove nel primo capitolo si conosco e va tutto bene e nel secondo si separano e va tutto a rotoli, beh devo dire che Prodigy non rispecchia i canoni del solito SECONDO CAPITOLO inizialmente può anche apparire così ma nella seconda metà del libro come ho già detto su ci sono capovolgimenti significativi quindi si può affermare che questo libro non rientra nei canoni standard e nemmeno nella categoria secondo capitolo scadente.
Per quanto riguarda i personaggi ( evitando di giudicare Day e June che rimangono immutati in pensi e azioni quindi assolutamente perfetti <3 ) facciamo prima la conoscenza di Anden, che veniva già introdotto nel libro precedente, un personaggio che sa come cambiare una Nazione ma che si trova sprovvisto di mezzi e del favore del popolo, molto evidente è la sua cotta per June che trovo dolcissima u, per quanto riguarda i personaggi di Tess e Kaede subiscono secondo me i mutamenti maggiori, Tess la quale avevo giudicato in una ragazza dolce e delicata che segue il suo primo amore ovunque, si trasforma in una sfrontata e alcune
volte prende posizione cosa che nel primo libro non si sognava nemmeno, in pratica sta crescendo e si ribella agli ordini che prima seguiva ciecamente, invece Kaede che inizialmente avevo giudicato un personaggio solo di margine acquista sempre di più ruolo e si fa amare per il suo carattere un po’ borioso  e sicuro si se, mi è piaciuta troppo, non manca mai di ricordare la sua abilità come pilota, e supervisiona tutto e tutti un piccolo generale!!!
La conclusione è molto dolce e straziante Day scopre una cosa importantissima che mi ha fatto rimanere così o cioè ma come!!!! Non posso garantire la mia sopravvivenza se non leggo Champion entro quest’anno, consiglio questo libro a tutti dovete leggerlo assolutamente vi innamorerete di Day e June in un battito di ciglia =).
Nota personale: Geniale che la Lu faccia ritrovare Day e il suo fratellino in questo libro e non prolunghi l’attesa all’infinito, molto commovente il loro incontro =) però sono sempre del parere che tutti in questo libro sono troppo giovani !!!


 














Legend Trilogy

0.5 Life Before Legend
Prodigy
Champion

Autrice

Marie Lu, si è trasferita negli Stati Uniti da Pechino nel 1989. Ha lavorato come art director nell’industria dei videogame, nei Disney Interactive Studios. Ora scrittrice a tempo pieno, ama leggere, disegnare e giocare ad Assassin’s Creed. Vive con il fidanzato e i suoi tre cani a Los Angeles, in California.



Nessun commento:

Posta un commento