TinyDropdown Menu BonBook: Recensione: Non dire quattro di Janet Evanovich

lunedì 14 aprile 2014

Recensione: Non dire quattro di Janet Evanovich

Titolo: Non dire quattro
Autore: Janet Evanovich
Editore: Salani  
Serie: Stephanie Plum#4
Voto:

Trama 

Sally è una drag queen" spiegai a mia nonna. "Ma va'?" disse lei. "Volevo tanto conoscerne una. Mi sono sempre chiesta una cosa: dove lo mettete il dingdong quando vi vestite da donna?" "Bisogna indossare mutandine speciali per nasconderlo dentro." Guardammo tutte il rigonfiamento sul vestito di Sally, all'altezza del basso ventre. "Embe'?" disse Sally. "A me fanno venire il prurito". E una calda estate a Trenton, soprattutto per Stephanie Plum, cacciatrice di taglie, non bella ma sexy, non coraggiosa ma incosciente: un'antieroina con un fantastico fiuto per i guai. E questa volta di guai in cui ficcarsi ce ne sono fin troppi, anche se il caso sembra piuttosto semplice. E sparita una ragazza, Maxine Nowocki, libera su cauzione dopo l'accusa di aver rubato la macchina del fidanzato. Sembrerebbe una banale lite tra innamorati, se il fidanzato non cominciasse a ricevere messaggi minatori cifrati... Per fortuna Stephanie può contare sull'appoggio di Lula, ex prostituta mastodontica con una predilezione per le armi di grosso calibro, e di Salvatore alias Sally Sweet, un chitarrista transessuale, grande esperto di enigmistica. Peccato però che l'agenzia di recupero cauzioni abbia deciso di assumere anche Joyce Barnhardt, storica rivale di Stephanie, specialista nel rovinare matrimoni. Proprio ora che l'agente di polizia Joe Morelli sembrava deciso a dare una svolta alla sua storia con Stephanie...

Cosa ne penso . . . .

E siamo giunti al quarto capitolo della saga di Stephanie Plum, finalmente questa serie ha svoltato, ho
raggiunto il livello di appassionata cronica, e nel momento che finisco un libro ne inizio subito un altro, per adesso questo è ufficialmente il mio preferito . .. . . beh devo ancora iniziare il quinto ma ho le aspettative molto alte.
Questo libro l’ ho divorato se non fosse stato per l’università l’avrei finito anche prima, divertente troppo divertente, alcune volte ridevo così di cuore che penso che sul pullman mi abbiano preso per una schizzata, ma è più forte di me Stephanie è una calamità ambulante di guai.
Anche questa volta la nostra eroina si trova a dare la caccia a latitanti con dietro casi complicati, e come sempre si circonda di persone che l’aiutano che sono più che bizzarre , e voi direte ma non sarà noioso al quarto libro la stessa storia, io dico categoricamente NO, Stephanie è sempre innovativa si caccia sempre i guai nuovi , che alla fine pensi non potrà fare peggio di così no?  E invece ne combina di tutti i colori.
In questo capitolo conosciamo Susy, un travestito che non è gay, ma che lo fa di mestiere in quanto musicista di una band di travestiti, e Joyce nemica giurata di Stephanie, che diventa cacciatrice di taglie e metterà il bastone tra le indagini di Steph, il primo è un personaggio unico divertente e bravo a decriptare codici, eccentrico nel modo di vestire, ma senza la capacità di truccarsi, la seconda odiosa ma spesso vittima di battibecchi con Lula, ex prostituta, che la tratterà come un sacco da box.
Finalmente in questo capitolo avremo la svolta sentimentale tra Joe e Steph, pensavo che avrei dovuto aspettare come minimo altri tre libri, ma la E. mi ha sopreso con questo cambio di rotta.
Dopo cinque mesi che i due non si sentivano più Steph e Joe si ritrovano insieme, sempre per circostanze bizzarre, i due che si aiutano a vicenda nel caso che segue Stephanie che sembra collegato al quello di Joe e insomma i due convogliano a letto, la Evanovich ci ha fatto attendere quattro libri , ci ha quasi esasperato troncando le scene ma adesso ha dato il meglio di se , tra i due si instaura un rapporto che potrei definire equilibrato, che regala un infinità di scene esilaranti e dolci allo stesso tempo.
Non c’è bisogno di dire che ho già iniziato il quinto, è come una droga una volta iniziato non si finisce più.

Serie di Stephanie Plum

Non Dire Quattro
6 nei Guai
Stephanie Ammazza 7
Otto volante
Visions of Sugar Plums , Holiday novella
To the Nines
Ten Big Ones
Eleven on Top
Twelve Sharp
Plum Lovin' , Holiday novella
Lean Mean Thirteen
Plum Lucky , Holiday novella
Fearless Fourteen
Plum Spooky ,Holiday novella
Finger Lickin' Fifteen
Sizzling Sixteen
Smokin' Seventeen
Explosive Eighteen
Notorious Nineteen
Takedown Twenty

 Autrice

Nata a South River, New Jersey, il 22 aprile 1943. Ha studiato arte e ha deciso di diventare scrittrice all’età di trent’anni. I primi libri, di genere romantico, li ha pubblicati con lo pseudonimo di Steppie Hall, iniziando a usare il vero nome solo con la serie di Stephanie Plum (personaggio ispiratole dal film Prima di mezzanotte).


Nessun commento:

Posta un commento